0

Stiamo tutti in vacanza – Consiglio n.5

Per la campagna #stiamotuttibene #librodellestate, vi proponiamo oggi un modo semplice ed economico per alleggerire il fardello cartaceo, onde poterlo portare in vacanza con voi con la praticità di un qualunque tascabile.
Ringraziamo Luciano Onder di “Medicina 33” per il prezioso supporto e ricordate di accompagnare il consiglio con attività fisica quotidiana e uno stile di vita sano, per evitare di ritrovarvi tra le mani, a fine estate, “La recherche” di Proust.
0

Stiamo tutti in vacanza – Consiglio n. 4

Proseguono i consigli per la campagna #stiamotuttibene #librodellestate.

La valigia è già piena e il corpulento tomo pare non trovarvi posto?
Non temete, siamo qui per questo!
Con un semplice gesto, riuscirete a intrufolarlo anche al bagaglio più restio.
(L’unica raccomandazione è di non vaporizzarlo troppo, onde non correre il rischio di evaporare pure l’inchiostro).
Buona lettura, dunque, e ricordate: Stiamo Tutti Bene, per un’estate leggera, divertente e civile.

 

2

Stiamo tutti in vacanza – Consiglio n.3

Per la campagna #stiamotuttibene #librodellestate, abbiamo pronto per voi un nuovo consiglio per agevolarvi nel trasporto del libro e potervi rilassare al mare o ai monti con le nostre tragicomiche avventure.

Il consiglio di oggi è riservato alle persone che hanno a disposizione un piccolo o grande amico…

0

Stiamo tutti in vacanza – Consiglio n. 2

 

Prosegue la campagna #stiamotuttibene #librodellestate.

Oggi ci occupiamo della problematica dei weekend “mordi e fuggi”: avete in previsione una breve fuga al mare o ai monti e state pensando che un qualunque libro di Moccia entri nella vostra valigetta meglio di “Stiamo tutti bene”?
É arrivato il momento di ricredervi! (in tutti i sensi…)
Con questo semplice video-consiglio, potrete scegliere voi stessi le dimensioni del libro, adattandolo alle vostre esigenze e necessità vacanziere.

(Per le partenze anticipate al venerdì pomeriggio, raccomandiamo di aggiungere almeno una cinquantina di pagine, onde non rimanere sprovvisti di tragicomiche avventure la domenica).

 

2

Stiamo tutti in vacanza – Consiglio n.1

Parte oggi la nuova campagna #stiamotuttibene #librodellestate.
Volete portare “Stiamo tutti bene” in vacanza, ma siete preoccupati per le sue dimensioni? Niente paura!
Abbiamo preparato per voi alcuni pratici consigli per non rinunciare a piacevoli ore di lettura anche in villeggiatura.
Cominciamo dunque con il consiglio numero 1.
 
E ricordate: “Stiamo tutti bene”, per un’estate leggera, divertente e civile!

 

22

“Finding Anna” tour

Chi non segue la mia pagina Facebook, probabilmente non sarà a conoscenza dell’educativo scambio avvenuto tra me e tale signora Anna.
La signora Anna mi ha aperto gli occhi su tante cose ed è per questo che la seconda parte del tour di “Stiamo tutti bene” è dedicata a lei, alla sua signorilità, alla sua visione del mondo priva di stereotipi e pregiudizi e, soprattutto, alla sua ironia: un’ironia talmente raffinata che il più delle volte è davvero difficile da cogliere. Un po’ come se non ci fosse affatto.

Se vi state chiedendo cosa avrà scritto mai codesta signora Anna per meritarsi tutta questa attenzione, ecco qui per voi il nostro fruttuoso carteggio:

Screenshot anna 1

Screenshot Anna 2

Screenshot Anna 3

Quello che la signora Anna non sa, è che io non mi sono sciroppata 29 stagioni di “Chi l’ha visto” a caso: per cui, ovunque si trovi, prima o poi la troverò.
E quando l’avrò trovata, le regalerò una copia del libro.
Perché la signora Anna ancora non l’ha capito (sempre per quel problemino di ironia di cui vi parlavo sopra), ma questo libro è anche per lei.
Anzi, a pensarci bene, è soprattutto per lei.

Ciò detto, possiamo passare alla comunicazione ufficiale delle prossime date:

  • MOLFETTA (BA) GIOVEDÍ 15 GIUGNO / ore 19.30 presso la libreria “IL GHIGNO”, via Salepico 47
  • MILANO – LUNEDÍ 19 GIUGNO / ore 19 presso la libreria “VERSO”, Corso di Porta Ticinese 40
  • BOLOGNA – MERCOLEDÍ 21 GIUGNO / ore 19.00 presso la libreria “MODO INFOSHOP”, via Mascarella 24b
  • EMPOLI – GIOVEDÍ 22 GIUGNO / ore 21.30  rassegna “VIRUSLIBRO 2017”, presso il Chiostro degli Agostiniani, via Neri
  • FIRENZE – VENERDÍ 23 GIUGNO / ore 19.00 presso il “QUINOA”, vicolo di S. Maria Maggiore 1
  • LIVORNO – MARTEDÍ 27 GIUGNO / ore 19.30 presso la galleria “UOVO ALLA POP” , Piazza Garibaldi 20
  • FERRARA – VENERDÍ 30 GIUGNO / ore 21.30 rassegna DRINKABOOK, presso la libreria “IBS- Il Libraccio”, Piazza Trento e Trieste.

Io, come sempre, vi aspetto a braccia aperte e non vedo l’ora di farmi delle belle chiacchierate e rispondere a tutte (o quasi…che qua farsi prendere la mano è un attimo) le vostre domande.

Ho soltanto una cortesia da chiedervi: se potete, portate con voi una vostra signora Anna (tanto tutti ne abbiamo almeno una … naturalmente va benissimo anche un signor Anno),  perché sono sicura che se assistesse a una presentazione potrebbe davvero sorprendersi.
E sorprendermi.

Un ultimo appello, tanto per restare in tema “Chi l’ha visto”: mio adorato giovane Tonj (tu non lo sai, mai ti cito praticamente in ogni presentazione…) , ho ben tre date toscane, posso sperare di riuscire finalmente a conoscerti? Ci terrei davvero tanto…

Grazie ancora a tutti voi per il sostegno, l’affetto, l’incoraggiamento e tutti i bellissimi incontri che mi/ci avete regalato.

E grazie anche per aver amato questo piccolo (anche se voluminoso…) libro: a un mese dalla sua uscita, “Stiamo tutti bene” è stato ristampato.
E stavolta una lacrimuccia è scappata pure a me…
Va bene, forse più di una.

Ok, ho pianto per mezz’ora. Ma questo perché in contemporanea il giovane nano mi aveva piallato un piede con la moto rosa dell’oratorio. Cosa ci faceva una moto rosa all’oratorio? E, soprattutto, cosa diamine ci stavamo facendo noi in un oratorio?
La risposta a queste e altre inquietanti domande, vi verrà data in libreria.
Per chi non potesse assistere alle presentazioni, è stato predisposto un servizio di risposta via mail. Basta mettere nell’oggetto “Moto rosa”.

A prestissimo!!!

3

Stiamo tutti in tour

Cari amici, finalmente ci siamo: dopo l’anteprima milanese, la “creatura” è cresciuta ed  è ora pronta per muovere i primi passi in giro per l’Italia. Ecco quindi a voi le date delle prossime presentazioni:

MERCOLEDÍ 17 MAGGIO – ROMA / Libreria Altroquando
Ore 19.30 presso la Libreria Altroquando, via del Governo Vecchio 92. Con mia grande gioia, presenterà il libro Ivan Cotroneo e allieteranno l’evento le letture di Lucia Mascino.

SABATO 20 MAGGIO – SALONE DEL LIBRO DI TORINO
Qui abbiamo in programma ben due appuntamenti:
– ore 14.30 presentazione del libro presso l’Arena Piemonte
– ore 17.00 “Revolution ’17” presso l’ Arena Piemonte.  Talk condotto da Francesco Giorda, a cura del Teatro della Caduta.

GIOVEDÍ 25 MAGGIO – RAVENNA “SCRITTURA FESTIVAL” / Palazzo Rasponi
Ore 18.30 presso Palazzo Rasponi – piazza Kennedy, 12.

MERCOLEDI 31 MAGGIO – LECCE / Libreria Feltrinelli
Ore 19.00 presso la libreria Feltrinelli, Via Templari, 9.

GIOVEDÌ 1 GIUGNO – PESCARA / LibreriaCoop Centro d’Abruzzo
Ore 18.00  “A tu per tu con l’autore”, presso la Libreria Coop, Via Po 1
San Giovanni Teatino (Pescara)

Ringrazio tutti quelli che hanno reso possibile questo tour: in primis la mia casa editrice “La Nave di Teseo”, poi Agedo, Scrittura Festival, il Coordinamento Torino Pride, Angela e Monica per Famiglie Arcobaleno, il Teatro della Caduta, Ivan Cotroneo e Lucia Mascino.

E poi fonici, microfonisti,  addetti luci… E grazie anche al nostro gruppo spalla, i Rolling Stones, che prima del concerto di Lucca si sono gentilmente offerti di aprire le nostre presentazioni. Grazie Mick: ti devo un favore! Ah, dici che col cavolo lo fai gratis? Vabbé, ma quanti soldi vorreste voialtri Rolling Stones? Non ho capito molto bene, puoi ripetermelo più lentamente, magari scandendo meglio gli zeri…

Ecco, purtroppo i Rolling Stones non potranno essere con noi per motivi tecnici. Sono rimasti bloccati dal maltempo. Per mesi, forse anni. Per cui ad aprire le presentazioni di “Stiamo tutti bene” ci sarò io che canterò “Satisfaction” accompagnata da un coro di suore scalze e baffute.

E ricordate, chi non viene è una Pascucci!

Un abbraccio a tutti e spero di vedervi,
Giulia

3

Tempo di Libri

Amici milanesi e non solo, domani – sabato 22 aprile –  alle 15.30 a Tempo di Libri (Sala Futura, Pad. 4), ci siamo anche noi!
A presentare la creatura, saranno con me due cerimonieri d’eccezione: Ivan Cotroneo e Piera Detassis.

Accorrete numerosi, vi prometto un’imbucata al rinfresco di un autore famoso (ora guardo sul programma chi c’è, ma siate fiduciosi, ne troveremo più di uno).

tempo di libri 2

Grazie a tutti e a domani!

Giulia

 

5

Stiamo tutti bene (e assai emozionati)

Cari amici, sostenitori, simpatizzanti e groupies, é con immensa gioia che vi annuncio che la creatura sarà in tutte le librerie del regno a partire da GIOVEDÍ 20 APRILE. Giusto in tempo per la digestione del pranzo di Pasqua e lo smaltimento dell’incazzatura per il rituale diluvio universale di Pasquetta.

All’interno del libro troverete anche due preziosissime guest star, ma non vi anticipo nulla per non rovinarvi la sorpresa.

Intanto ve lo presento. É lui:

copertina finale

Noi le ali gliele abbiamo messe.
E mo’ speriamo che voli!

Vi terrò aggiornati sulle date delle presentazioni.
Intanto grazie a tutti e a prestissimo!

53

Ultime notizie dalla famiglia

In questi mesi di lontananza, sono avvenuti alcuni fatti che definirei oltremodo pregnanti per la nostra famigliola.
Cioè, a dire il vero ne sono avvenuti una caterva, ma direi di concentrarci sui principali, altrimenti invece di un post mi toccherebbe scrivere un trattato in dodici volumi con annessa batteria di pentole in acciaio inox 18/10 e mountain bike con cambio shimano.

Partiamo dunque con:

L’EVENTO PREGNANTE NUMERO 1.

unioni-civili

Ebbene sì.
Dopo tanti anni di concubinaggio clandestino, io e la bionda potremo finalmente unirci civilmente.
Il che significa che continueremo a convivere come abbiamo sempre fatto, ma – grazie a questa nuova legge – lo faremo con estrema educazione, parlando a modino, non parcheggiando in doppia fila e facendo sempre la raccolta differenziata dei rifiuti.
Insomma, in modo parecchio civile.

Inutile dirvi che avremmo preferito un’unione magari meno civile e più matrimoniale, ma si sa, non si può voler tutto. Anche perché, parliamoci chiaro, malgrado il nome – civilissimo, per carità – i fondamentali ci sono tutti: io e la bionda potremmo farci reciprocamente visita in carcere, assisterci in ospedale e avere la reversibilità della pensione nel caso una delle due dovesse dipartire.
Tutte cosucce allegre, insomma.

Aspettate un momento… Forse proprio tutto tutto in questa legge non c’è.
Ho come l’impressione che manchi qualcosa all’appello.
O, meglio, qualcuno….

Eh già. Si sono scordati del nostro nanetto.
Lui non figura nella civiltà dell’unione.
Niente, non ce n’è proprio traccia.
Ma è chiaramente una distrazione, una svista, un banalissimo lapsus.
Sì, non c’è altra spiegazione.
Come potrebbero aver rimosso scientemente dalla nostra civile famiglia, il nostro civilissimo figliolo?
Via, non è possibile.

Cioè, io dovrei davvero credere che qua, Camera, Senato e soggiorno con doppia esposizione, si siano preoccupati tanto di dare dei diritti agli adulti per poi tralasciare completamente quelli dei bambini, che sarebbero quella cosetta meglio conosciuta come il futuro del mondo?
Naaaaaa… Lo vedete da voi che è pura fantascienza!
Ecco, io penso che le cose in realtà siano andate così: essendo il nostro un paese ormai a tasso di nascita prossimo allo zero assoluto, forse questa faccenda della pargolanza non è la prima che gli è venuta in mente. Poi, dai e dai a limare la legge, a saltare canguri, a mettere d’accordo capre con cavoli et voilà che, nella concitazione del momento, gli sono sfuggite le creature.

Niente panico, dunque.
Sono certa che, accortisi della defaillance, i nostri prodi governanti vi porranno rimedio in men che non si dica.
E nostro figlio, insieme a tutti gli altri italici nani, a brevissimo vedrà riconosciuti tutti i suoi sacrosanti diritti.
Per cui sì, io sono tranquilla e dormo tra due cuscini.
Ah, questo cuscino qua è tuo, bionda?
Vabbé, ma chi l’ha deciso che tu debba avere quello più morbido e piumato?
Beh, questa è un’ingiustizia bella e buona, sai?!

Ok, rettifico.
La realtà è che io continuo a dormire da schifo su un solo cuscino duro e scomodo.
Ma conto di chiedere a stretto giro un’interrogazione parlamentare anche per questo.

 

L’ EVENTO PREGNANTE N. 2

remedios

Inutile girarci intorno: sì, è proprio lei.
Ana Remedios Perez De La Fuente, ovvero la storica ex della bionda.
Cosa ci fa tra gli eventi pregnanti dell’ultimo semestre?
Semplice.
La nostra Meryl Streep della Costa Blanca è ufficialmente tornata su piazza.
Già già.
Questa estate si è separata ufficialmente dalla moglie Carmen ed è tornata a essere una donna libera.

Nulla di strano, penserete voi. D’altronde quante coppie, anche con figli, si sfasciano quotidianamente? Un po’ come la mia Fiesta, con la differenza che non c’è sempre un nerboruto meccanico Bruno in grado di rimettere a posto i cocci.
Comunque, qui la questione è un’altra.
Concordo con voi sulla tragica normalità dell’evento, se non fosse che la suddetta separazione è avvenuta in circostanze, diciamo, oltremodo sospette.
E per “oltremodo sospette”, intendo che l’iberica coppia è scoppiata a meno di ventiquattrore dal loro rientro in Spagna, a seguito di una breve vacanza.
Vacanza svoltasi a Roma.
Per la precisione, a casa nostra.
Ora, qualche campanello vi è suonato?

Non ci è stato dato modo di sapere il motivo di questa improvvisa rottura – il che rende il tutto ancora più preoccupante /barra/ terrificante – perché Reme al momento ancora non si sbottona. Dice che la turba parlare di Carmen, cosa che posso assolutamente comprendere. Un matrimonio finito, l’affidamento della figlia, la casa da lasciare… Non sono argomenti di conversazione propriamente piacevoli.
Va bene.
Ma allora si può sapere di che cavolo parla con la bionda, visto che ha preso a chiamarla qualcosa tipo quattro volte al giorno?! Non si sa. Quando glielo domando, la bionda scuote la testa con aria grave e mi dice che ha già parlato tanto al telefono con Reme, per cui non potremmo parlare d’altro?

Questa è dunque la mia attuale situazione. Ana Remedios Perez De La Fuente è tornata in pompa magna a incombere sulla mia capoccetta.
E le due principali compagnie aeree low cost, hanno deciso di darle man forte, inaugurando una nuova tratta Alicante-Roma senza scali e con costi dannatamente abbordabili.
Il che significa che sì, sta per tornare in visita nella Città Eterna.
Per distrarsi un po’, dice lei.
Allora vattene in un bell’albergo del centro, dico io.
Ma non possiamo lasciarla da sola! dice la bionda.

Morale della favola: sta per tornare a casa nostra.
Ok, andiamo al dunque.
Amici e amiche single – ma pure impegnati, non stiamo a formalizzarci – ho bisogno di voi.
Se qualcuno volesse trascorrere qualche giorno (otto per la precisione, sempre che Reme non decida di trasferirsi definitivamente sul nostro divano letto) con una esuberante spagnola, che somiglia tanto tanto a Meryl Streep, mi contatti in privato.
Garantisco discrezione.
E un lauto bonifico.

 

L’ EVENTO PREGNANTE N. 3

Veniamo ora alle note positive.
Mi rendo conto che non sia facile, dopo la ferale notizia dell’imminente avvento di Remedios, ma possiamo farcela. Perché sarà anche vero che la cara Reme ha già in mano i biglietti aerei per la sua prossima trasferta, ma la nostra ridente famigliola da un po’ di tempo a questa parte sta viaggiando molto più di lei.

mondo-blog

I paesi colorati che vedete, sono quelli dai quali questo blog è stato letto. Eh sì, il nostro tenero nanetto ha fatto letteralmente il giro del mondo…
E tutto questo grazie a voi, che ci avete seguito, ci avete scritto, avete partecipato alle nostre avventure rendendole, in un modo o nell’altro, un po’ anche vostre.
Per cui mi piace immaginare che questo meraviglioso viaggio lo stiamo facendo insieme, noi e voi, anche adesso che sono qui da sola, seduta al tavolo che una volta era la mia scrivania e che da qualche tempo a questa parte si è magicamente trasformato in un deposito di giocattolame vario del nano, che solo per ricavare un angoletto per poggiare il computer mi tocca chiamare un’impresa edile con ruspe e bulldozer.

Ed è da questo angoletto circondato dal mondo del nostro bambino, che – con un grande sorriso e un accenno di commozione – voglio condividere con voi una splendida notizia.
“Stiamo tutti bene” diventerà un libro.
Io, il nano, la bionda, ma anche la Carlona, il Conte, Bruno, Lorenzo, Barbie, tutti quanti, persino le suore scalze e baffute, traslocheremo sulla carta stampata.
E lo faremo con una casa editrice che solo a nominarla mi riempio tutta d’orgoglio e soddisfazione: “La nave di Teseo”.

Come se tutto questo non fosse già abbastanza emozionante, aggiungo anche che, grazie a una persona meravigliosa incontrata lungo il cammino di questo blog, potrebbe succedere che un giorno ci ritroviate tutti quanti belli spaparanzati direttamente sugli schermi di casa vostra… Sì, pure Ana Remedios De La Fuente. Tanto quella bella spaparanzata a casa nostra ci sarà già.

Qui abbiamo già i bagagli fatti, per cui non preoccupatevi se non troverete più i vecchi post, stanno tutti quanti nella mia valigia e sono pronti per accompagnarmi in una tragicomica avventura nuova di zecca. Ovvero quella della sottoscritta che andrà a mettere la sua attonita faccetta alle presentazioni nelle librerie.
Non sto neanche a dirvi quanto mi piacerebbe che questa potesse essere anche un’ occasione per conoscervi, perché vorrei davvero ringraziarvi uno per uno, di persona.
Sempre con la mia attonita faccetta.

Comunque vi darò dal blog tutti gli aggiornamenti e, se potrete esserci – inutile dirlo – sarà davvero una festa!

Ora, però, prima di salutarvi, ci sarebbe una persona che vorrei presentarvi.
Ancora non la conoscete.
O forse sì.
Vi darò un indizio.
Ha il sorriso di sole e gli occhi di mare…

“I…è aereo?”

“No, tesoro mio. Quello è un crocifisso.”

“No!!! I è aereo!”

“Fidati, non è un aereo, è Gesù Cristo”

“I… vola?”

“Beh, ecco, non è che proprio voli… Però cammina sull’acqua, direi che ci possiamo accontentare, no? “

“I… camina su succo?”

“Oddio, non saprei… In teoria potrebbe, se l’ha fatto sull’acqua…”

“E co ‘e scappe?”

“Con le scarpe? Mi sa che andava scalzo, però ora sinceramente non ricordo…”

“I… su succo pera?”

“Ma ‘sta cosa del succo non l’avevamo chiarita?”

“I…vola ne’ cielo?”

“Ok, nano. Hai vinto tu. È un aereo…”

“I è aeeeeereoooooo!!!!!”

Seguono salti e grida di giubilo.

Signore e signori, avete appena conosciuto nostro figlio.

A prestissimo!